Ordini di evacuazione emessi mentre imperversano gli incendi in California

Il Mill Fire nella contea di Siskiyou è raddoppiato di dimensioni da venerdì e sabato bruciava a 4.254 acri con un contenimento del 25%, secondo Cal Fire. liberazione.

L’incendio ha distrutto 50 edifici e costretto all’evacuazione di 1.000 persone, hanno detto i funzionari.

La causa dell’incendio durato un giorno è ancora oggetto di indagine e sono in atto ordini di evacuazione per Weed, Lake Chastina ed Edgewood.

“Questo incidente è in rapida evoluzione e il nostro staff e i nostri partner stanno facendo tutto il possibile per portare tutti al sicuro”, ha affermato l’ufficio dello sceriffo della contea di Siskiyou.

I funzionari della contea di Siskiyou stanno anche combattendo il Mountain Fire, che è cresciuto fino a 4.812 acri con un contenimento del 5%.

Il fuoco stava bruciando su un terreno ripido ed è stato visto diffondersi, provocando l’evacuazione di oltre 300 persone, secondo Cal Fire.

“Il fuoco continua a bruciare attraverso gli alberi. Il fuoco è stato molto attivo durante la notte. Il fuoco si sta spostando verso nord”, ha detto la divisione Cal Fire Siskiyou.

La causa dell’incendio in montagna è ancora oggetto di indagine e sono state disposte le evacuazioni.

Quattro vittime dell'incendio della McKinney sono state identificate positivamente attraverso il DNA e l'analisi dentale

Nel frattempo, nel sud della California, il Root Fire nella contea di Los Angeles era contenuto per l’87% a 5.208 acri sabato sera, secondo un aggiornamento del dipartimento dei vigili del fuoco della contea di Los Angeles.

Due strutture sono state distrutte e altre centinaia sono state minacciate, hanno detto i vigili del fuoco.

Le operazioni antincendio sono proseguite durante la notte, concentrandosi sul rastrellamento dei punti caldi e sulla costruzione di ulteriori linee di contenimento, afferma l’aggiornamento.

READ  I futures sulle azioni sono rimasti piatti mentre gli investitori si sono preparati per il rapporto sull'inflazione di luglio

“Oggi le risorse sotterranee si concentrano sullo sgombero dei punti caldi. Il calore elevato, la bassa umidità e il terreno ripido continuano a essere le maggiori sfide per i vigili del fuoco”, hanno affermato i vigili del fuoco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.