Liz Truss si dimette dopo sei settimane dalla carica di Primo Ministro del Regno Unito

  • Truss dice che andrà la prossima settimana
  • Sunak e Mordant sono stati visti come contendenti per il posto più alto
  • Boris Johnson potrebbe tornare
  • Truss era il primo ministro britannico in carica più breve

LONDRA, 20 ottobre (Reuters) – Liz Truss si è dimessa giovedì dopo il mandato più breve e tumultuoso di qualsiasi primo ministro britannico, poiché il suo piano economico ha mandato in frantumi la reputazione di stabilità finanziaria del Paese e ha lasciato molti poveri.

Il Partito conservatore, che detiene un’ampia maggioranza in parlamento e non avrà bisogno di tenere le elezioni nazionali per altri due anni, sceglierà ora un nuovo leader entro il 28 ottobre: ​​il quinto primo ministro britannico in sei anni.

Quella corsa potrebbe mettere l’ex ministro delle finanze Rishi Sunak contro Benny Mordant, ma potrebbe vedere i suoi ministri dimettersi in massa per spodestare Boris Johnson, che è stato estromesso dalla carica di primo ministro a luglio.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Un altro impopolare discorso di dimissioni del primo ministro a Downing Street – e l’inizio di una nuova gara di leadership – sottolinea come la politica britannica sia diventata turbolenta dal voto del 2016 per lasciare l’Unione Europea.

Parlando fuori dalla porta del suo ufficio n. 10, Truss ha ammesso di aver perso la fiducia del suo partito e si sarebbe dimesso la prossima settimana. Mentre parlava, la folla si radunò.

“Così ho parlato con Sua Maestà il Re per fargli sapere che mi dimetto da leader del Partito conservatore”, ha detto Truss, che ha sostenuto suo marito, i suoi aiutanti e ministri fedeli nella notevole assenza.

I leader alleati hanno affermato che avrebbero continuato a lavorare con il suo successore e hanno sottolineato l’importanza della stabilità.

READ  Classifica del British Open 2022: copertura in diretta, punteggio Tiger Woods, punteggi del golf del Round 1 di oggi a St Andrews
Grafico a barre che mostra il mandato dei primi ministri britannici dal 1970.

Truss è stato eletto a settembre per guidare il Partito conservatore dai suoi membri, non dall’elettorato più ampio, e con il sostegno di un terzo dei legislatori del partito.

Ha promesso tagli alle tasse finanziati da prestiti, deregolamentazione e un forte spostamento a destra su questioni culturali e sociali.

Ma in poche settimane fu costretto a licenziare il suo ministro delle finanze ea chiudere l’alleato politico, Kwasi Kwarteng, e ad abbandonare il suo intero piano economico dopo che i loro piani per tagli alle tasse non finanziati fecero precipitare la sterlina e fecero salire alle stelle i costi dei prestiti e i tassi ipotecari britannici.

Gli indici di approvazione per lui e il partito sono crollati.

Mercoledì ha perso il secondo dei quattro ministri più anziani del governo, che ha dovuto ridere mentre cercava di difendere il suo record in parlamento e ha visto i suoi legislatori combattere apertamente per la politica, aggravando un senso di confusione a Westminster.

Il nuovo ministro delle finanze Jeremy Hunt si sta ora affrettando a trovare risparmi per decine di miliardi di sterline per rassicurare gli investitori e ricostruire la reputazione finanziaria della Gran Bretagna.

Con l’economia in recessione e l’inflazione ai massimi da 40 anni, milioni di britannici stanno lottando con la crisi del costo della vita.

Hunt, che si è ritirato dalla corsa alla leadership, il 31 ottobre dovrebbe consegnare un nuovo budget che taglierà la spesa per i servizi pubblici che stanno già mostrando chiari segni di tensione.

Un anziano legislatore conservatore ha affermato che Sunak e Mordant erano disposti a mantenere Hunt come loro ministro delle finanze.

READ  Accordo di fusione Spirit e Frontier End

La prossima gara per Downing Street

Una delle questioni più controverse che devono affrontare i conservatori è come scelgono un nuovo leader dopo che i 170.000 membri del partito hanno eletto Trudeau a discrezione dei legislatori eletti a Westminster. Dopo il voto sulla Brexit, le fazioni all’interno del partito hanno combattuto per la direzione del paese.

Nei concorsi precedenti, i candidati sono stati ridotti a due dai voti di diversi legislatori per diverse settimane prima che i membri scegliessero un vincitore. Molti legislatori conservatori affermano che non si può permettere che accada di nuovo.

“I membri non possono dire: ‘Dobbiamo risolvere la questione'”, ha affermato un legislatore. Alla domanda se il partito potrebbe ricostruire la sua reputazione da questo punto, ha aggiunto: “Mai in un milione di anni”.

Gli organizzatori hanno affermato che qualsiasi candidato avrebbe bisogno del supporto di 100 legislatori e solo un candidato che ha superato quella soglia entro le 14:00 (1300 GMT) di lunedì diventerà automaticamente primo ministro. Se ci sono due candidati, i membri del partito voteranno online.

Sunak, un ex analista di Goldman Sachs che è diventato ministro delle finanze proprio mentre la pandemia di Covid-19 ha colpito l’Europa, è tra quelli che dovrebbero candidarsi per il ruolo.

Sebbene abbia avuto ragione nei suoi avvertimenti che il piano fiscale di Truss minacciava l’economia, rimane profondamente impopolare tra alcuni conservatori dopo aver contribuito ad alimentare la rivolta estiva contro Johnson.

Il popolare ex ministro della Difesa Benny Mordant potrebbe competere con aspiranti come il ministro degli interni Suella Braverman, che si è dimesso mercoledì, e il ministro del Commercio Cemi Patenoch.

READ  Aggiornamenti di notizie in diretta: la recessione incombe mentre la fiducia delle imprese raggiunge il minimo da 2 anni in Germania

Anche Johnson, che deve ancora indagare se ha fuorviato il parlamento dopo che lui e il suo staff hanno ospitato diverse feste durante il blocco del COVID-19, potrebbe essere un candidato.

Il volto della campagna Brexit del 2016 ha avuto un ruolo importante in politica da quando è diventato sindaco di Londra nel 2008. Ha guidato il suo partito a una schiacciante vittoria elettorale nel 2019, ma a luglio è stato costretto a lasciare l’incarico da colleghi disgustati dal suo comportamento.

“Spero ti sia piaciuto il tuo capo delle vacanze. È ora di tornare”, ha detto su Twitter James Duttridge, un legislatore conservatore, aggiungendo “#bringbackboris”.

Un sondaggio tra i membri del partito all’inizio di questa settimana ha favorito il ritorno di Johnson, ma le probabilità di gara hanno messo Sunak davanti a Mordant, al ministro della Difesa Ben Wallace e a Johnson.

Truss sarebbe passato ai libri di storia come il Primo Ministro in carica più breve, succedendo a George Canning, che era in carica da 119 giorni quando morì nel 1827.

Il principale partito laburista di opposizione – e molti elettori – hanno indetto elezioni generali.

“Non è stato votato per le decisioni politiche che ha preso, nessuno dei britannici ne ha sentito nessuna”, ha detto a Reuters Kelly Rodgers, 50 anni, fuori Downing Street. “Quindi (è) giusto e corretto che se ne vada.”

“Ma allo stesso modo, è il simbolo della sua festa: è il caos completo”.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Scritto da Kate Holden; Rapporti aggiuntivi di Muvija M, Farouq Suleiman, William James, Sachin Ravikumar, Kylie MacLellan e Reuters TV; Montaggio di Catherine Evans

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.