L’ex uragano Merbok colpisce l’Alaska occidentale con una tempesta storica, venti a 90 mph e mari di 50 piedi

Kolowine, Alaska – Una tempesta storica ha squarciato l’Alaska occidentale venerdì e sabato con venti di uragano, mari di 50 piedi e inondazioni costiere che non si vedevano da decenni.

Il tifone Merbok, una potente tempesta del Pacifico settentrionale, è volato quasi a nord e si è spinto attraverso le Isole Aleutine nel Mare di Bering venerdì, con pericolose mareggiate che hanno inondato i villaggi costieri e le città con diversi piedi d’acqua. .

Il livello dell’acqua a Unalakleet ha superato i 11 piedi sabato mattina e dovrebbe raggiungere il picco di 15 piedi sabato pomeriggio, una delle creste più grandi mai registrate, ha detto il National Weather Service.

Inondazioni gravi sono state segnalate a Golovin, dove pioggia e vento hanno colpito la città costiera in uno o due punti.

Case e altri edifici sono stati allagati e la scuola è stata circondata. “Un paio di case stanno galleggiando dalle fondamenta”, ha scritto il National Weather Service di Fairbanks, “e alcuni serbatoi di carburante sono stati ribaltati”.

READ  Il capo della CIA dice che Putin sta bene con 15.000 russi uccisi nella guerra in Ucraina

I livelli massimi dell’acqua non sono previsti fino a sabato pomeriggio. Nel frattempo, i venti soffiavano fino a 62 miglia orarie.

Previsione dell’ondata di tempesta in Alaska
(tempo della volpe)

Il mare di Bering ha spinto oltre le banchine attraverso Shaktulik e l’acqua è entrata nella comunità costiera, allagando vicino alle case. I residenti si sono trasferiti nella scuola e nell’ambulatorio della città.

A Nome, il picco previsto è di 12,45 piedi – 9 piedi sopra il segno dell’alta marea – e sabato raggiungerà 5 piedi sopra il segno dell’alta marea a Red Dog.

Raffiche di vento fino a 90 miglia orarie in alcuni punti

L’ondata di tempesta è stata spinta da forti venti che turbinavano intorno al profondo centro della tempesta, che ha raggiunto 937 millibar mentre si avvicinava alle Isole Aleutine.

Cape Romanschoff misurava 91 mph, mentre le raffiche hanno raggiunto 74 mph a St. Paul Island e 62 mph ad Adak e Colowine.

Al largo, la tempesta ha sollevato mari di oltre 50 piedi. UN Una boa ha registrato un’altezza d’onda 310 miglia a nord di Adak Quasi 52 piedi in tarda mattinata di venerdì in mezzo a venti di 74 mph.

“Anche se non è ufficialmente un uragano – è quello che chiami un uragano (negli Stati Uniti) – ha ancora un potenziale potente”, ha detto la meteorologa FOX Weather Britta Merwin. “Con forti venti, stai spingendo molta acqua, il che significa che il livello del mare (aumenterà) e le inondazioni costiere sono una preoccupazione e un’ondata di tempesta”.

L’Alaska subisce un terremoto ogni 10 minuti, dicono gli scienziati

Quel che è peggio, quando la tempesta si attenua mentre esce verso l’Artico, i livelli dell’acqua alti persistono per 10-14 ore, consentendo alle onde spinte dal vento sopra l’ondata di spingersi verso l’interno e causare ulteriori danni.

READ  I bucanieri non hanno orari per il ritorno di Tom Brady, Todd Bowles "non è preoccupato" per la mancata proroga di QB

“Gli impatti potrebbero superare la supertempesta del Mare di Bering del 2011 e alcune località potrebbero subire le peggiori inondazioni costiere in quasi 50 anni”, hanno scritto venerdì i meteorologi del National Weather Service di Fairbanks.

“La tempesta è stata enorme”, ha detto Mervyn. “Mantiene ancora tutte le caratteristiche che aveva quando era un uragano, ma ora è un sistema a nucleo freddo – una tempesta non tropicale – che farà esplodere l’Alaska con alcuni forti venti”.

I sistemi di tempeste estreme sono comuni in Alaska, ma non si vedono spesso cicloni tropicali con pressioni inferiori a 940 millibar. A partire dalle 8:00 ET, l’ultima analisi della superficie stima la pressione centrale della tempesta a 937 mb. Un volume molto basso per il mese di settembre misurato nella regione per almeno gli ultimi 17 anni.

L’ufficio del National Weather Service a Fairbanks, in Alaska, ha dichiarato: “Sarà sicuramente un evento significativo. Si preannuncia uno dei peggiori che abbiamo visto da anni.

L’area minacciata contribuisce con 5 miliardi di dollari all’economia dell’Alaska

Comunità come Adak, Unalaska, St. Paul, St. John’s e Bethel saranno tutte vicine al centro della tempesta, dove saranno più probabili venti e pioggia.

“La maggior parte di quelle comunità dell’Alaska, quando colpisce una tempesta, non hanno la possibilità di evacuare. Quindi, quello che di solito fanno è andare in un rifugio comunitario, che è l’opzione più sicura”, ha detto Jeremy. Gidek è l’ufficiale delle informazioni pubbliche per la divisione dell’Alaska per la sicurezza interna e la gestione delle emergenze. “I problemi relativi alla catena di approvvigionamento, ai trasporti e alle condizioni meteorologiche sono all’ordine del giorno, quindi le persone devono essere molto resistenti anche per vivere in quelle aree”.

READ  Dow Jones Futures: cosa fare quando il rally del mercato si ritira; Warren Buffett fa esplodere la base

Diversi avvisi sono stati emessi dal NWS in previsione dell’arrivo del maltempo, tra cui un Coastal Flood Watch, Hurricane Warning e Tornado Warning.

Avvisi vento dell’Alaska
(tempo della volpe)

La FAA sta aggiungendo stazioni meteorologiche in tutta l’Alaska per aumentare la sicurezza aerea

Meteorologi e soccorritori sono molto preoccupati per la comunità marittima, che produce la maggior parte dei frutti di mare della nazione.

Salmone del Pacifico, granchio, merluzzo del Pacifico, gamberetti, aringhe, merluzzo bianco e halibut del Pacifico vengono tutti raccolti dall’Alaska e portano a più di 5 miliardi di dollari di attività economica in Alaska ogni anno.

La tempesta Merbok ha influenzato il tempo negli Stati Uniti

Il tifone Merbok è uno dei numerosi sistemi temporaleschi significativi provenienti dal Pacifico occidentale che dovrebbero rimanere intrappolati nella corrente a getto e influenzare il clima degli Stati Uniti.

L’acqua anormalmente calda nel Pacifico settentrionale è uno dei fattori che aiuta ad aumentare il ciclo di vita e la forza dei cicloni settentrionali, ma non abbastanza per sostenere la loro identità di cicloni tropicali alle latitudini settentrionali.

Come il bacino atlantico, la stagione degli uragani del Pacifico nord-occidentale è in ritardo rispetto al normale, con solo la metà del numero di tempeste che vedono a metà settembre.

Nelle ultime settimane, l’attività dell’uragano Muifa è aumentata nel Pacifico occidentale. Fattura e Merbok.

La maggior parte, se non tutti, porta a impatti Alaska Con pioggia, vento e alto mare, ciò significa che il 49° stato potrebbe essere in serbo per una stagione delle piogge.

Gli esperti del Climate Prediction Center del NWS affermano che nello stato sono previste precipitazioni superiori alla media per diverse settimane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.