L’ambasciatore russo all’Onu Boris Bondarev si dimette per la guerra di Putin in Ucraina

Segnaposto quando vengono caricate le azioni dell’articolo

L’ambasciatore russo alle Nazioni Unite a Ginevra si è dimesso per la guerra in Ucraina, con il governo russo che ha pubblicamente denunciato la guerra e ha scritto che “non si vergognava troppo” del suo paese.

In una lettera ai colleghi di Ginevra Inserito in un account LinkedIn a suo nomeBoris Bondarev, consigliere dell’ambasciata permanente della Federazione Russa presso le Nazioni Unite, ha dichiarato lunedì di aver lasciato il servizio civile.

“Per vent’anni nella mia carriera diplomatica ho visto diversi colpi di scena nella nostra politica estera, ma non mi vergogno del mio Paese il 24 febbraio di quest’anno”, ha scritto, notando la data di inizio dell’invasione.

“La guerra d’aggressione di Putin contro l’Ucraina è davvero un crimine non solo contro l’intero mondo occidentale e contro il popolo ucraino, ma forse anche il crimine più efferato contro il popolo russo, con un’audace lettera Z-crossing. Tutte le speranze e le opportunità per una prospera società libera nel nostro paese”.

Lunedì è stato contattato telefonicamente dall’Associated Press Fiducioso Ha consegnato la sua lettera di dimissioni in una lettera all’ambasciatrice Janet Cadillo. Disse ad Andhra che non aveva intenzione di lasciare Ginevra.

La lettera prende di mira il ministero in cui ha lavorato. “Mi dispiace ammettere che in questi vent’anni il livello di bugie e professionalità nel lavoro del ministero degli Esteri è cresciuto continuamente. Tuttavia, negli ultimi anni, è diventato semplicemente catastrofico”, ha scritto.

Il ministero di oggi scrive: “Non si tratta di diplomazia”, ​​ma di “isteria di guerra, bugie e odio”.

READ  Inondazioni improvvise seppelliscono le auto e portano i turisti nella Valle della Morte | Parchi nazionali

Anatoly Subais, l’inviato speciale di Putin per lo sviluppo sostenibile, ha lasciato la Russia a marzo, ma non ha commentato pubblicamente i motivi della sua partenza.

UN Directory in linea L’ONU a Ginevra ha indicato Bondare come consigliere per il lavoro della Federazione Russa. Il profilo LinkedIn a suo nome rivela che è specializzato in controllo degli armamenti, disarmo e disarmo e ricopre il suo ruolo attuale dal 2019.

“Boris Bondarev è un eroe”, ha affermato Hillel Neuer, direttore esecutivo di UN Watch, una ONG con sede a Ginevra che ha diffuso una copia della lettera del diplomatico russo su Twitter.

“Chiediamo ora a tutti gli altri ambasciatori russi alle Nazioni Unite – e in tutto il mondo – di seguire il suo esempio morale e di rassegnare le dimissioni”.

Bill Broder, fondatore di Hermitage Capital e critico chiave del presidente russo Vladimir Putin, ha twittato: “Questa è un’incredibile lettera di un funzionario dell’ambasciata russa.

“Questa è la lingua che tutti i funzionari e l’oligarchia russi dovrebbero usare se c’è qualche possibilità di essere trattati dolcemente dall’Occidente”.

“Ho studiato diplomatico e sono diplomatico da vent’anni. Il ministero è diventato la mia casa e la mia famiglia”, ha detto Pondicherry.

Annabelle Timcid a Londra e Robin Dixon a Riga hanno contribuito al rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.