La società di Donald Trump condannata a 15 anni per frode fiscale

NEW YORK, 13 gennaio (Reuters) – Donald Trump apprenderà venerdì come verrà punita la società che porta il nome dell’ex presidente degli Stati Uniti dopo essere stata accusata di aver frodato il fisco per 15 anni.

Un giudice dello stato di New York imporrà la sentenza dopo che una giuria di Manhattan ha dichiarato il mese scorso due affiliati alla Trump Organization colpevoli di 17 accuse penali.

La sentenza arriva tre giorni dopo che il giudice del tribunale penale di Manhattan Juan Merchan ha ordinato all’ex chief financial officer della società, Alan Weiselberg, che ha lavorato per la famiglia Trump per mezzo secolo, di scontare cinque mesi di prigione dopo aver testimoniato come testimone principale dell’accusa. .

La compagnia di Trump rischia solo una multa massima di 1,6 milioni di dollari, ma ha detto che intende presentare ricorso. Nessun altro è stato accusato o incarcerato nel caso.

L’ufficio del procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg, che ha portato il caso, sta ancora conducendo un’indagine penale sulle pratiche commerciali di Trump.

Bill Black, professore presso l’Università del Missouri-Kansas City School of Law, specializzato in criminalità dei colletti bianchi, ha definito la sentenza prevista un “errore di arrotondamento” che fornisce “zero deterrente” ad altri, incluso Trump.

“È una parodia”, ha detto. “Questa sentenza non impedirà a nessuno di commettere tali crimini”.

Il caso è stato a lungo una spina nel fianco dell’ex presidente repubblicano, che secondo lui fa parte di una caccia alle streghe da parte dei democratici che detestano lui e la sua politica.

Trump e i suoi figli adulti, Donald Trump Jr., Ivanka Trump ed Eric Trump, stanno affrontando una causa civile da 250 milioni di dollari sostenendo di aver gonfiato il suo patrimonio netto e il valore delle attività della sua azienda per risparmiare denaro su prestiti e assicurazioni.

READ  Donald Trump non è invitato al funerale della regina, Joe Biden deve prendere l'autobus

Bragg e James erano democratici, il predecessore di Bragg, Cyrus Vance, ha intentato causa penale. Trump, che ha perso la rielezione nel 2020, si candida alla presidenza nel 2024.

Durante le quattro settimane del processo, i pubblici ministeri hanno presentato prove che la società di Trump includeva spese personali come l’affitto e il leasing di auto per i dirigenti senza dichiararle come reddito, e hanno fatto finta che i bonus natalizi fossero compensi per non dipendenti.

Lo stesso Trump ha firmato gli assegni bonus, hanno detto i pubblici ministeri, così come l’affitto del lussuoso appartamento di Weiselberg a Manhattan e le tasse scolastiche private per i nipoti del CFO.

“L’intera narrazione secondo cui Donald Trump è beatamente ignorante non è vera”, ha detto ai giurati l’assistente procuratore distrettuale Joshua Steinglass nella sua argomentazione conclusiva.

La testimonianza di Weiselberg ha aiutato a condannare la società, anche se ha affermato che Trump non faceva parte del piano di frode. Ha anche rifiutato di aiutare Bragg nella più ampia indagine su Trump.

La Trump Organization ha messo Weiselberg in congedo retribuito fino a quando non ha interrotto i legami questa settimana. Il suo avvocato ha detto che la scissione, annunciata martedì, è stata amichevole.

Weiselberg, 75 anni, sta scontando una pena nella famigerata prigione di Rikers Island a New York City.

La legge statale limita le multe che il giudice Merson può infliggere alla società di Trump. Una società può essere multata fino a $ 250.000 per ogni conteggio fiscale e $ 10.000 per ogni conteggio non fiscale.

Trump deve affrontare una serie di questioni legali, tra cui le indagini sull’attacco del 6 gennaio 2021 alla capitale degli Stati Uniti, la sua conservazione di documenti riservati dopo aver lasciato la Casa Bianca e i tentativi di ribaltare la sua sconfitta elettorale del 2020 in Georgia.

READ  Almeno 68 morti nell'incidente aereo in Nepal

Segnalazione di Karen Freefield e Jonathan Stempel; Montaggio di Jonathan Otis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.