La Russia si unisce alla riunione del G20 oscurata dal conflitto in Ucraina

  • Lavrov ha incontrato alcuni dei critici più aspri della Russia
  • Colloqui sulla sicurezza alimentare ed energetica globale
  • Il segretario agli esteri del Regno Unito interrompe il viaggio di Truss – BBC

NUSA DUA, Indonesia, 7 luglio (Reuters) – Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov avrà il suo primo incontro ravvicinato con aspri critici dell’aggressione del suo Paese in Ucraina al vertice del G20 in Indonesia giovedì.

Il conflitto Russia-Ucraina e la crisi alimentare globale dovrebbero essere al centro di una riunione di due giorni dei ministri degli Esteri sull’isola di Bali, dilaniata dalla guerra. leggi di più

Il ricevimento di giovedì è stata la prima volta che Lavrov, il ministro degli Esteri di lunga data del presidente Vladimir Putin, è stato in stretta prossimità dei più accesi oppositori dell’aggressione di Mosca contro l’Ucraina a febbraio, che Mosca ha definito “operazione militare speciale”.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

L’agenzia di stampa russa TASS ha riferito che Lavrov aveva programmato di incontrare alcuni dei suoi omologhi a margine del vertice, ma ministri tra cui la tedesca Annalena Baerbach e il segretario di Stato americano Anthony Blinken hanno escluso incontri separati con lui.

Il ministro degli Esteri australiano Penny Wong ha affermato che il suo paese e i paesi che la pensano allo stesso modo utilizzeranno l’incontro del G20 per evidenziare l’impatto della guerra.

“Esprimeremo congiuntamente in modo molto chiaro le nostre opinioni sulla posizione della Russia e sul comportamento della Russia”, ha affermato.

Tuttavia, il ministro degli Esteri britannico Liz Truss potrebbe partire presto: la BBC riferisce che intende tornare a Londra nel mezzo del dramma politico che circonda le dimissioni del primo ministro Boris Johnson.

READ  I futures azionari sono contrastanti dopo Dow, S&P 500 cap per il mese peggiore da marzo 2020

Un funzionario del Ministero degli Esteri britannico ha rifiutato di commentare.

Il gruppo di 20 membri comprende paesi occidentali che accusano Mosca di crimini di guerra in Ucraina – cosa che nega – e hanno imposto sanzioni, ma anche paesi come Cina, Indonesia, India e Sud Africa sono stati più muti nella loro risposta.

Parlando dopo aver incontrato il suo omologo cinese Wang Yi, Lavrov ha sottolineato l’importanza delle relazioni Russia-Cina nel plasmare un mondo più giusto e democratico basato sui “principi del diritto internazionale, in primo luogo la Carta delle Nazioni Unite”.

Ha detto che l’Occidente “apertamente aggressivo” stava “cercando di mantenere la sua posizione privilegiata e il suo dominio negli affari internazionali”.

Crisi alimentare globale

Alcuni funzionari statunitensi ed europei hanno sottolineato che l’incontro non sarà “business as usual”. Un portavoce del ministero degli Esteri tedesco ha affermato che i paesi del G7 coordineranno la loro risposta a Lavrov.

Nel 2014 il G7 ha escluso la Russia dal G8 a causa dell’annessione della Crimea.

Alti funzionari di Gran Bretagna, Canada e Stati Uniti hanno abbandonato la delegazione russa durante la riunione finanziaria del G20 a Washington ad aprile. Tuttavia, nonostante i discorsi iniziali sul boicottaggio dei successivi incontri del G20, alcuni analisti affermano che l’Occidente potrebbe aver deciso che si sarebbe ritorto contro.

Un alto funzionario del Dipartimento di Stato americano ha affermato giovedì che è importante che l’Indonesia si concentri su ciò che ha pianificato per la sua presidenza del G20 e che “non dovrebbero esserci interruzioni o interruzioni”.

Energia e sicurezza alimentare sono all’ordine del giorno dell’incontro di Bali, con i paesi occidentali che accusano la Russia di alimentare una crisi alimentare globale e di peggiorare l’inflazione bloccando le esportazioni di grano ucraine. La Russia si è detta pronta ad esportare grano senza restrizioni.

READ  L'Ucraina marcia ulteriormente nelle terre liberate, i separatisti chiedono un referendum rapido

Nell’incontro con il cinese Wang, il ministro degli Esteri indonesiano Retno Marsudi ha sottolineato la necessità di salvaguardare la stabilità regionale e risolvere le questioni globali legate al conflitto Russia-Ucraina.

“La conferma delle voci dei paesi in via di sviluppo è essenziale per fermare la guerra e reintegrare le esportazioni alimentari di Ucraina e Russia nella catena di approvvigionamento globale”, ha affermato il ministero degli Esteri indonesiano in una nota.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Reporting di Stanley Vidianto a Nusa Dua, Kirsty Needham a Sydney e David Brunstrom a Tokyo; Montaggio di Kate Lamb Montaggio di Ed Davies e Frances Kerry

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.