La presidente sudcoreana Nancy Pelosi non si è incontrata a causa della sua permanenza

Commento

SEOUL — La presidente della Camera Nancy Pelosi ha incontrato i leader di Singapore, Malesia e Taiwan durante il suo tour seguito da vicino questa settimana, ma non il presidente sudcoreano. Motivo ufficiale: è rimasto.

Poco prima dell’arrivo di Pelosi (D-California) nella tarda serata di mercoledì, era presente il presidente Yoon Suk-yeol. Uno spettacolo teatrale a Seoul e Si è mescolato al cast durante la cena e le bevande. Giovedì, quando Pelosi ha incontrato alti legislatori sudcoreani, le foto sono diventate virali sui social media.

La decisione di Yoon di minimizzare le accuse secondo cui l’ufficio presidenziale della Corea del Sud avrebbe evitato un incontro con Pelosi nel tentativo di placare la Cina, portando alla crescente rivalità tra il più grande partner commerciale della Corea del Sud e il suo più grande alleato di difesa, gli Stati Uniti.

Il nuovo arrivato politico della Corea del Sud, che ha vinto la presidenza con il margine più ristretto, sta lottando con gli indici di approvazione entro tre mesi dal suo insediamento. Ha promesso di fare il suo paese “Preminenza globale” e un potere geopolitico.

Ma la sua apparente assenza dalla scena mondiale ha alimentato i critici, che hanno accusato il presidente conservatore sudcoreano di aver deliberatamente ignorato Pelosi a causa delle preoccupazioni per le ritorsioni di Pechino. La sua controversa visita a Taiwan ha accresciuto le tensioni tra l’isola autogovernata e Pechino.

La visita di Biden mette alla prova il nuovo presidente sudcoreano, un novizio di politica estera

L’ufficio di Yoon ha detto che ha cancellato i suoi piani di viaggio estivo e ha scelto di rimanere a Seoul per pianificare le future attività politiche e riposare a casa.

READ  La FIFA ospita 16 città per la Coppa del Mondo 2026

La portavoce di Yoon, Choi Young-bum, ha detto che le vacanze estive del presidente erano programmate prima del viaggio di Pelosi in Asia e che Yoon aveva assistito allo spettacolo teatrale prima del volo di Pelosi. Secondo Choi, Yoon ha detto di non essere disponibile per incontrare Pelosi, che quella sera era volato in Corea del Sud.

“Ho avuto domande sul fatto che il presidente abbia evitato di incontrare il presidente della Camera perché era diffidente nei confronti della Cina”, ha detto Choi. “Tutte queste questioni sono decise tenendo pienamente conto dell’interesse nazionale del nostro Paese”.

Ha respinto la domanda di un giornalista secondo cui l’indisponibilità di Yun rappresentava un cambiamento nell’allineamento di Seoul in mezzo alla rivalità tra Stati Uniti e Cina, definendo la domanda “esagerata”.

Quando Emhoff visita la Corea del Sud, le questioni di genere e LGBTQ vengono in primo piano

Invece di incontrarsi di persona, il presidente sudcoreano e Pelosi hanno parlato al telefono giovedì in ritardo sul rafforzamento dell’alleanza bilaterale e della cooperazione su questioni di sicurezza regionale, secondo una lettura dell’ufficio di Yun.

Yoon, che è entrata in carica a maggio, si è impegnata a “ricostruire” l’alleanza tra Stati Uniti e Corea del Sud, che secondo lei si era deteriorata sotto il presidente liberale uscente Moon Jae-in. L’amministrazione Moon ha cercato di lavorare con gli alleati della Corea del Nord, in particolare la Cina, per aiutare a mediare un accordo di pace con Pyongyang.

Sebbene Yun abbia promesso una posizione politica forte a Pechino, la Corea del Sud sta ancora camminando su una linea sottile. Il quotidiano di destra della Corea del Sud Chosun Ilbo ha pubblicato un editoriale intitolato “La riunione di Yoon per evitare la Pelosi potrebbe inviare segnali sbagliati agli Stati Uniti, in Cina”. La rivista ha avvertito il governo sudcoreano che un “atteggiamento remissivo” nei confronti della Cina potrebbe alterare le relazioni geopolitiche.

READ  Test positivo per Fauci Covit-19

Pelosi ha in programma di recarsi in Giappone giovedì dopo aver visitato la zona smilitarizzata tra la Corea del Sud e la Corea del Nord. Nella loro conversazione telefonica, il suo ufficio presidenziale ha affermato che la visita di Yun nella sua regione di confine è stata “un segno di forte deterrenza contro la Corea del Nord”.

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida incontrerà Pelosi nell’ultima tappa del suo viaggio venerdì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.