La Corte Suprema sostiene l’allenatore di football del liceo che ha perso il lavoro per aver pregato dopo una partita

Washington – La Corte Suprema lunedì si è pronunciata a favore di un ex allenatore di football di una scuola superiore nella parte occidentale di Washington. Ha perso il lavoro dopo la preghiera Linea delle 50 yard dopo le partite.

Tribunale Governato 6-3 Ideologicamente le regole del libero esercizio e della libertà di parola del Primo Emendamento proteggono una persona impegnata nell’espressione religiosa. Giudice Neil Korsch, Kennedy v. Ha espresso la sua opinione alla maggioranza in un caso noto come Bremerton School District.

“Il meglio della legge costituzionale e delle nostre tradizioni sostiene il rispetto e la tolleranza reciproci, non la censura e l’oppressione, sono gli stessi per le opinioni religiose e laiche”, ha scritto Korsch.

La controversia che ha coinvolto Joseph Kennedy, un ex assistente allenatore di football del liceo di Bremerton, è stata alla riunione della clausola fondante del Primo Emendamento e delle sezioni sulla libertà di parola e di fitness, mentre gli avvocati di Kennedy hanno sostenuto che la punizione del distretto scolastico per la sua espressione religiosa violava la sua costituzione. Diritti. Il distretto scolastico, nel frattempo, ha appreso delle preghiere post-partita di Kennedy e ha avvertito che le sue azioni potrebbero violare la Costituzione, che vieta al governo di riconoscere una religione.

La battaglia in tribunale, che includeva le preghiere post-partita di Kennedy a centrocampo, ha portato i riassunti degli amici di corte, inclusi ex giocatori della NFL e giocatori professionisti e universitari che sono atterrati su entrambi i lati del dibattito.

UN Intervista a CBS News Lunedì, Kennedy ha ringraziato i suoi sostenitori e li ha ringraziati per aver finalmente concluso il caso, definendolo un “grande giudizio per gli Stati Uniti”.

READ  I mercati azionari statunitensi aprono al rialzo in vista del rialzo dei tassi della Fed

“Ognuno ha gli stessi diritti, che ci creda o no, e questa è la Costituzione”, ha detto Kennedy. “Questo è il diritto di tutti gli americani”.


L’allenatore al centro del caso libertà religiosa reagisce alla sentenza della Cassazione

06:30

Scrivendo lunedì per le minoranze liberali, il giudice Sonia Sodomier ha affermato che la costituzione non autorizza le scuole pubbliche ad accettare la condotta di Kennedy e che l’opinione della maggioranza rifiuta le “preoccupazioni di vecchia data” sull’approvazione della religione da parte del governo.

“La preghiera guidata dalle autorità colpisce al centro della nostra difesa costituzionale per la libertà religiosa degli studenti e dei loro genitori, come incarnata sia nella clausola fondante del Primo Emendamento che nella clausola del libero esercizio”, hanno scritto i giudici Stephen Fryer e Sotomayor. Elena Kagan. “La corte ora indica una strada diversa, ma ancora una volta si concentra quasi esclusivamente sulla protezione della regola del libero esercizio per la pratica religiosa individuale, apportando allo stesso tempo una modifica di poco conto al divieto della clausola istituzionale che istituisce la religione da parte dello Stato”.

Kelly Shackleford, presidente del First Liberty Committee, che rappresentava Kennedy, ha celebrato la sentenza della Corte Suprema, dicendo che è stata una “tremenda vittoria” per lei e per la libertà religiosa.

“La nostra Costituzione protegge il diritto di ogni americano a impegnarsi nell’espressione religiosa personale, inclusa la preghiera in pubblico, senza timore di licenziamento”, ha affermato Shackleford in una nota.

Ma Rachel Laser, presidente e amministratore delegato di Americans United for Church and State Separation, ha avvertito che la decisione della corte “rappresenta la più grande perdita di libertà religiosa da generazioni”.

“Oggi, la corte ha continuato il suo attacco alla divisione Chiesa-Stato, travisando la preghiera obbligatoria come ‘privata’ e impedendo alle scuole pubbliche di proteggere la libertà religiosa dei loro studenti”, ha affermato in una nota. “L’erosione del confine tra Chiesa e Stato non è una coincidenza. Molti dei diritti che amiamo sono accompagnati da perdite catastrofiche. Poiché quella linea è offuscata, l’istruzione pubblica, i diritti riproduttivi, le libertà civili e molti altri sono sotto attacco”.

Il distretto scolastico di Bremerton ha affermato che continuerà a lavorare per garantire un “ambiente inclusivo che accolga tutti gli studenti, le loro famiglie e tutto il nostro personale”.

Dopo la sua prima partita come allenatore dei Bremerton Knights, Kennedy iniziò a pregare per la prima volta dopo aver giocato a calcio nell’agosto 2008. Dopo un breve ringraziamento a Dio dopo il fischio finale, la sua preghiera iniziò per prima, e presto i giocatori iniziarono a giocare con Kennedy, la partecipazione variava di settimana in settimana. Almeno un genitore ha detto di essere stato “costretto a partecipare” per paura che suo figlio perdesse tempo a giocare.

Anche le preghiere si sono evolute da brevi e personali espressioni di gratitudine a discorsi stimolanti con riferimenti religiosi.

La pratica di Kennedy di pregare sul campo continuò per sette anni senza problemi. Il distretto scolastico di Bremerton ha appreso cosa stava facendo l’allenatore nel settembre 2015, quando l’allenatore della squadra avversaria ha detto al preside del liceo che Kennedy aveva chiesto ai suoi giocatori di unirsi a lui nella preghiera post-partita, e lui ha pensato che fosse ” molto bella”. Consenti tale operazione.

Ma l’osservazione ha acceso anni di combattimenti tra Kennedy e il distretto scolastico, con l’allenatore che ha sostenuto che si stava impegnando in un’espressione religiosa costituzionalmente protetta, e i difensori del distretto scolastico hanno affermato che l’allenatore ha agito come un agente dello stato come una scuola pubblica. Il dipendente ha violato la libertà religiosa degli studenti che si sono sentiti spinti a pregare.

Kennedy ha smesso di impegnarsi nelle sue preghiere post-partita dopo che il distretto gli ha detto che i suoi discorsi con gli studenti dovrebbero essere laici e che le sue future attività religiose dovrebbero essere separate da qualsiasi attività studentesca, ma ha ripreso la formazione nell’ottobre 2015.

Il distretto scolastico ha concesso a Kennedy un congedo amministrativo per aver violato i suoi ordini e il direttore atletico di Bremerton ha raccomandato che non fosse assunto la prossima stagione, citando la sua incapacità di seguire la politica distrettuale e di monitorare gli studenti-atleti dopo le partite.

Kennedy ha scelto di non presentare nuovamente domanda per il suo tirocinio presso la Bremerton High School e ha citato in giudizio il distretto nell’agosto 2016 per aver violato il suo diritto di modificare la legge.


Rapporti CBS | La lotta per il diritto di convertire l’America al cristianesimo

27:36

La 9a Corte d’Appello del Circuito degli Stati Uniti si è pronunciata a favore del distretto scolastico e Kennedy ha presentato ricorso per la prima volta alla Corte Suprema. Nel 2019, l’Alta Corte ha respinto il suo caso, affermando che quattro dei giudici conservatori della corte stavano anticipando la considerazione della corte sulla battaglia legale.

Dopo ulteriori procedimenti, Kennedy perse di nuovo nei tribunali di grado inferiore. Ha chiesto alla Corte Suprema di esaminare il caso una seconda volta ea gennaio i giudici hanno accettato di farlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.