Israele e Libano raggiungono un accordo storico, aprendo la strada a ricche esplorazioni di gas



CNN

Israele e Libano hanno raggiunto un accordo storico, hanno affermato separatamente martedì i leader di entrambe le parti, risolvendo una disputa sui confini marittimi lunga anni che coinvolge grandi giacimenti di petrolio e gas nel Mar Mediterraneo.

“La versione finale dell’offerta è soddisfacente per il Libano e soddisfa le sue richieste e protegge i diritti del Libano su questa ricchezza naturale”, ha affermato il presidente libanese Michel Aoun in una dichiarazione poche ore dopo aver ricevuto l’offerta finale di Israele tramite il mediatore statunitense Amos Hochstein.

Aoun ha detto che sperava che l’accordo fosse annunciato “il prima possibile”.

Il primo ministro israeliano Yair Lapid ha dichiarato: “Questo è un risultato storico che rafforzerà la sicurezza di Israele, inietterà miliardi nell’economia israeliana e garantirà la stabilità del nostro confine settentrionale”.

Lapid ha affermato che il progetto di accordo soddisfa tutti i principi di sicurezza ed economici stabiliti da Israele.

Il primo ministro israeliano convocherà mercoledì il gabinetto della difesa, a cui seguirà una riunione speciale del governo, ha affermato.

L’area contesa comprende il giacimento di petrolio e gas di Karish e un’area conosciuta come la prospettiva di Qanaa, che dovrebbero cadere rispettivamente nelle acque israeliane e libanesi in base all’accordo. Israele ha detto che inizierà immediatamente ad esportare petrolio e gas da Karish verso l’Europa.

Martedì, il ministro dell’Energia libanese Walid Fayed ha dichiarato che la società energetica francese Total, che detiene il contratto per esplorare le acque libanesi, inizierà “immediatamente” a lavorare sulla prospettiva di Gana.

READ  Questa settimana si sta preparando un'ondata di caldo prolungata e da record in tutto l'Occidente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.