Il controllo del Senato degli Stati Uniti è ancora un gioco da ragazzi, con i repubblicani che si stanno avvicinando alla maggioranza

  • Il controllo del Senato è ancora indeciso
  • Il conteggio dei voti può richiedere diversi giorni
  • I repubblicani si stanno avvicinando al controllo della Camera
  • Biden dice che la speranza è “ancora viva”.

Fenice, nov. 11 (Reuters) – Gli operatori elettorali in Arizona e Nevada hanno lavorato venerdì per contare centinaia di migliaia di voti non conteggiati che potrebbero decidere il controllo del Senato degli Stati Uniti, un processo che i funzionari dei due stati del campo di battaglia hanno avvertito potrebbe trascinarsi per giorni.

Dopo il voto di medio termine di martedì, i Democratici oi Repubblicani potrebbero conquistare la maggioranza al Senato in entrambi gli stati con gare serrate. Una scissione potrebbe trasformare il ballottaggio del Senato della Georgia il 6 dicembre in una battaglia per procura per la camera che detiene il potere sulle nomine giudiziarie del presidente Joe Biden.

Nella corsa per la Camera dei rappresentanti, i repubblicani erano vicini a strappare il controllo della camera ai Democratici di Biden. Il controllo della Camera darebbe ai repubblicani il potere di veto sull’agenda legislativa di Biden e gli consentirebbe di avviare indagini dannose sulla sua amministrazione.

I repubblicani hanno vinto almeno 211 dei 218 seggi alla Camera di cui hanno bisogno per la maggioranza, secondo Edison Research, mentre i democratici ne hanno vinti 197. Ciò lascia 27 gare ancora indecise, comprese molte gare ravvicinate.

Il leader del Partito Repubblicano Kevin McCarthy ha già annunciato la sua intenzione di candidarsi alla carica di oratore se i repubblicani prenderanno il sopravvento, cosa che ha descritto come inevitabile.

Biden ha detto ai giornalisti giovedì che lui e McCarthy avevano parlato, ma ha detto di non aver rinunciato alla speranza che i Democratici potessero vincere alla Camera nonostante le forti probabilità.

READ  L'ucraino Kherson corre per recuperare energia e acqua dopo la ritirata russa

“È ancora vivo”, ha detto delle loro possibilità.

I democratici hanno tenuto a bada una prevista “marea rossa” dei repubblicani, che avevano criticato Biden per l’inflazione e l’aumento dei tassi di criminalità. Il mandato di Biden nel 2021 è stato segnato dalle cicatrici economiche della pandemia di COVID-19 dopo quattro anni tumultuosi sotto l’ex presidente Donald Trump.

Biden ha descritto il voto come una lotta per salvare la democrazia dopo che i candidati repubblicani hanno incoraggiato la falsa affermazione di Trump secondo cui le elezioni del 2020, vinte da Biden, erano state truccate. I suoi compagni democratici hanno bollato come estremisti repubblicani, additando la decisione della Corte Suprema di eliminare il diritto all’aborto a livello nazionale.

(Risultati elettorali diretti in tutto il paese Qui)

Voti non contati

I funzionari che sovrintendono al conteggio dei voti nelle gare del Senato dell’Arizona e del Nevada hanno affermato che potrebbe essere necessario fino alla prossima settimana per contare le schede non contate per corrispondenza, che gli incumbent democratici hanno cercato di respingere gli sfidanti repubblicani.

Un alto funzionario elettorale nella contea più popolosa dell’Arizona ha dichiarato giovedì che i lavoratori hanno lasciato più di 400.000 schede non contate.

“Lavoreremo venerdì, sabato e domenica, passando attraverso queste schede. Il personale qui lavora dalle 14 alle 18 ore al giorno. Stiamo facendo del nostro meglio”, ha detto ai giornalisti il ​​presidente del consiglio dei supervisori della contea di Maricopa, Bill Gates.

Alcuni dei candidati più approvati di Trump hanno perso le gare chiave martedì, minando il suo status di repubblicano kingmaker e portando molti repubblicani ad incolpare il suo marchio di divisione per la prestazione deludente del partito.

READ  La Corte Suprema sostiene l'allenatore di football del liceo che ha perso il lavoro per aver pregato dopo una partita

La decisione potrebbe aumentare le possibilità del governatore della Florida Ron DeSantis, che martedì ha sconfitto il suo sfidante democratico, di sfidare Trump per la nomina presidenziale del 2024.

Mentre Trump deve ancora lanciare ufficialmente una terza campagna alla Casa Bianca, l’ex presidente ha fortemente suggerito che lo farà e pianifica un “annuncio speciale” nel suo club della Florida martedì.

Giovedì Trump ha criticato DeSantis in una dichiarazione, accreditando l’ascesa politica del governatore mentre attaccava i critici sul suo sito di social media, Truth Social.

Anche una ristretta maggioranza repubblicana può chiedere concessioni in cambio di voti su una questione chiave, come l’innalzamento del tetto del debito della nazione.

Ma con alcuni voti in più, McCarthy potrebbe lottare per unificare il suo caucus, in particolare la fazione di estrema destra che è in gran parte allineata con Trump e ha scarso interesse per il compromesso.

Segnalazioni di Tim Reed a Phoenix e Joseph Axe a Washington; Di Rami Ayyub e Joseph Axe; Montaggio di Ana Nicolaci da Costa e Angus MacSwan

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.