Gorbaciov è stato un raro leader mondiale che se ne è pentito, ma alcuni sono ancora amareggiati

BERLINO (AP) – Mikhail GorbaciovL’ultimo leader dell’Unione Sovietica è stato salutato mercoledì come un leader raro che ha cambiato il mondo e ha portato speranza di pace tra le superpotenze, molte delle quali hanno ripristinato la democrazia nei paesi europei allora comunisti.

Ma è morto martedì a 91 anni È stato insultato da molte nazionalità che lo hanno accusato del crollo dell’Unione Sovietica nel 1991 e del suo declino come superpotenza. Emergendo dal suo passato sovietico, la nazione russa si è ridotta di dimensioni quando sono emersi 15 nuovi stati.

La perdita di orgoglio e potere alla fine ha portato all’ascesa del presidente russo Vladimir Putin, che ha trascorso l’ultimo quarto di secolo cercando di riportare la Russia al suo antico splendore e oltre.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha elogiato Gorbaciov come aperto ai cambiamenti democratici. Gorbaciov Ha vinto il Premio Nobel per la Pace nel 1990 per aver posto fine alla Guerra Fredda.

“Dopo decenni di brutale repressione politica, ha abbracciato le riforme democratiche. Credeva nella glasnost e nella perestrojka – apertura e ristrutturazione – non come semplici slogan, ma come via da seguire per il popolo dopo anni di isolamento e privazione in Unione Sovietica”, Biden disse.

Biden ha aggiunto: “Queste sono state le azioni di un leader raro: l’immaginazione per vedere che un futuro diverso era possibile e il coraggio di rischiare l’intera vita per raggiungerlo. Il risultato è stato un mondo più sicuro e più libertà per milioni di persone”.

Sebbene Gorbaciov fosse ampiamente celebrato all’estero, rimase un paria a casa. Putin ha ammesso che Gorbaciov “Ha avuto una profonda influenza sul corso della storia mondiale”.

Putin ha inviato le sue condoglianze alla famiglia di Gorbaciov in un breve telegramma dicendo: “Ha guidato il paese durante cambiamenti difficili e drammatici, in mezzo a enormi sfide di politica estera, economiche e sociali”.

Putin ha detto che Gorbaciov “ha realizzato la necessità di riforme e ha cercato di offrire le sue soluzioni a problemi seri”.

READ  Il gusto Capri Sun può contenere 'soluzione detergente'

Le reazioni di funzionari e legislatori russi sono state contrastanti. Hanno elogiato Gorbaciov per il suo ruolo nel porre fine alla Guerra Fredda, ma lo hanno incolpato per il crollo dell’Unione Sovietica.

Miniatura del video di Youtube

Oleg Morozov, un membro del principale partito del Cremlino Russia Unita, ha detto che Gorbaciov “dovrebbe essere dispiaciuto” per gli errori contro gli interessi della Russia.

“Era un coautore volontario o meno dell’ordine mondiale ingiusto che i nostri soldati stanno ora combattendo sul campo di battaglia”, ha detto Morozov, riferendosi all’attuale guerra della Russia in Ucraina.

Lech Walesa, leader del movimento pro-democratico Solidarnosc della Polonia negli anni ’80 e presidente del paese dal 1990 al 1995, aveva una visione più sfumata di Gorbaciov. Ha detto che “lo ammirava e gli piaceva, ma non lo capiva”.

“Ha creduto fino alla fine che il comunismo potesse essere riformato, ma al contrario, non credo sia possibile”, ha detto Walesa Virtualna ai media Polska.

Walesa ha aggiunto: “Sapeva che l’Unione Sovietica non poteva durare a lungo e ha fatto tutto il possibile per impedire al mondo di portare la Russia a rendere conto del comunismo. E ci è riuscito.

I leader mondiali hanno reso omaggio a un uomo che alcuni hanno descritto come un leader brillante e coraggioso.

In Germania, Gorbaciov è considerato uno dei padri della riunificazione del paese negli anni ’90 ed è popolarmente chiamato “Gorby”, con l’ex cancelliera Angela Merkel che lo saluta come “un politico mondiale unico”.

“Gorbaciov ha scritto la storia del mondo. Quando il muro di Berlino cadde nel 1989, ricordò di aver temuto che i carri armati russi potessero rotolare nella Germania dell’Est, dove viveva.

L’attuale cancelliere tedesco Olaf Scholz ha elogiato Gorbaciov per aver aperto la strada alla riunificazione del suo paese, anche se ha anche sottolineato che Gorbaciov è morto in un momento in cui molti dei suoi successi venivano cancellati.

READ  Boeing lancia la capsula per astronauti Starliner in missione di prova senza pilota

“Sappiamo che è morto in un momento in cui non solo la democrazia ha fallito in Russia – non c’è altro modo per descrivere la situazione attuale – ma la Russia e il presidente russo Putin hanno iniziato una terribile guerra disegnando nuove trincee in Europa. Un vicino, Ucraina”, ha detto Scholz.

Il primo ministro britannico uscente Boris Johnson ha dichiarato: “Durante l’occupazione dell’Ucraina da parte di Putin, l’instancabile impegno (di Gorbaciov) di aprire la società sovietica è un esempio per tutti noi”.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha definito Gorbaciov “un uomo di pace, le cui scelte hanno aperto la strada alla libertà per i russi. Il suo impegno per la pace in Europa ha cambiato la nostra storia comune”.

Altri in Europa hanno sfidato i ricordi positivi di Gorbaciov.

“I lituani non glorificheranno Gorbaciov”, ha twittato Gabrielius Landsperkis, figlio di Vytautas Landsperkis, che ha guidato il movimento per l’indipendenza della Lituania all’inizio degli anni ’90, e il massimo diplomatico lituano.

I ricordi sono ancora freschi nella nazione baltica del 13 gennaio 1991, quando centinaia di lituani hanno preso d’assalto una torre della televisione a Vilnius e hanno respinto un tentativo delle truppe sovietiche di ripristinare l’indipendenza del paese. Nello scontro che ne seguì, 14 civili furono uccisi e oltre 140 feriti. Nell’agosto dello stesso anno Mosca riconobbe l’indipendenza della Lituania.

“Non dimenticheremo mai il semplice fatto che il suo esercito ha ucciso civili per perpetuare l’occupazione del nostro paese da parte del suo regime. I suoi soldati hanno aperto il fuoco sui nostri avversari disarmati e li hanno schiacciati sotto i suoi carri armati. È così che lo ricorderemo”, ha scritto Landsbergis.

Ma un altro leader baltico, il presidente lettone Egils Levits, ha osservato che le politiche di Gorbaciov hanno portato all’eventuale indipendenza dei tre stati baltici.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha definito Gorbaciov “il tipo di politico che ha cambiato il corso della storia” e “ha fatto più di ogni altro individuo per porre fine pacifica alla Guerra Fredda”.

READ  Dow Jones Futures: il mercato attende i risultati della riunione della Fed: forte aumento dei prezzi o troppo grande?

“Il mondo ha perso un imponente leader globale, un instancabile sostenitore del multilateralismo e della pace”, ha affermato l’ONU.

I contemporanei di Gorbaciov hanno indicato la fine della Guerra Fredda come una delle sue conquiste.

“Mikhail Gorbaciov è stato determinante per la fine pacifica della Guerra Fredda. A casa, era una figura storica, ma non nel modo in cui intendeva”, ha detto Robert M. Gates, che ha servito come capo della CIA dal 1991 al 1993 e in seguito è diventato Segretario alla Difesa degli Stati Uniti.

Il primo ministro israeliano Yair Lapid, che ha definito Gorbaciov “un leader coraggioso e un grande politico”, ha affermato che l’ultimo leader sovietico “ha aperto le porte dell’Unione Sovietica a una grande ondata di immigrazione ebraica in Israele negli anni ’90”.

In Asia, Gorbaciov è ricordato come un leader con il coraggio di portare il cambiamento.

La Cina ha riconosciuto il ruolo di Gorbaciov nella guarigione delle relazioni tra Mosca e Pechino. Gorbaciov è stato fonte di ispirazione per i pensatori riformatori in Cina alla fine degli anni ’80 e la sua visita a Pechino nel 1989 ha segnato uno spartiacque nelle relazioni bilaterali.

“Il signor Gorbaciov ha dato un contributo positivo alla normalizzazione delle relazioni tra Cina e Unione Sovietica. Piangiamo la sua scomparsa ed estendiamo le nostre condoglianze alla sua famiglia”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian.

Tuttavia, i leader del Partito Comunista Cinese vedono l’approccio liberale di Gorbaciov come una pericolosa dimostrazione di debolezza e una forma di capitolazione alle sue mosse verso una pacifica convivenza con l’Occidente.

___

Patrick Quinn riferisce da Bangkok. Giornalisti Andhra di tutto il mondo hanno contribuito a questo rapporto.

___

Altre storie di AP su Mikhail Gorbachev qui: https://apnews.com/hub/mikhail-gorbachev

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.