Gli Stati Uniti ottennero il potere di impadronirsi degli aerei dell’oligarchia russa

NEW YORK, 6 giugno (Reuters) – Un tribunale statunitense ha emesso lunedì un mandato per il sequestro di due aerei di lusso appartenenti al miliardario russo Roman Abramovich sotto l’azione statunitense imposta in seguito all’occupazione russa dell’Ucraina.

Ma la possibilità del governo degli Stati Uniti di ottenere il controllo dei quasi 400 milioni di dollari di velivoli è incerta.

Un funzionario del Dipartimento di Giustizia ha affermato che il Boeing 787 Dreamliner da 350 milioni di dollari e il Gulfstream G650 ER da 60 milioni di dollari non erano sotto la custodia degli Stati Uniti e ha rifiutato di dire se il governo degli Stati Uniti sapeva dove si trovassero.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Un giudice federale di Manhattan ha emesso mandati per le recenti violazioni da parte degli aerei delle restrizioni alle esportazioni statunitensi imposte dopo l’occupazione russa dell’Ucraina a febbraio. Il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha presentato una denuncia amministrativa contro Abramovich.

Ma il funzionario ha detto che i mandati impedirebbero alle compagnie di spostare l’aereo. Funzionari statunitensi stanno cercando di fare pressione sui leader economici vicini al presidente russo Vladimir Putin affinché smettano di chiamare il Cremlino la sua “operazione militare speciale” in Ucraina.

Il portavoce di Abramovich non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento. Abramovich ha negato qualsiasi coinvolgimento con Putin.

La Corrente del Golfo ha volato da Istanbul a Mosca il 12 marzo, è volata a Tel Aviv il giorno successivo e ha volato di nuovo da Istanbul a Mosca il 15 marzo, ha affermato il Dipartimento del Commercio. Boeing ha volato da Dubai a Mosca il 4 marzo, ha detto il dipartimento.

READ  Kabul: C'è stata una terribile esplosione in una moschea a Kabul, la capitale dell'Afghanistan

Poiché gli aerei sono stati prodotti negli Stati Uniti e operati dopo l’entrata in vigore delle restrizioni all’esportazione, Abramovich, un cittadino russo, avrebbe avuto bisogno di una licenza commerciale per portarli in Russia. Non è stata richiesta alcuna licenza, ma un dirigente ha detto ai giornalisti che era politica del dipartimento rifiutare tali richieste.

Il dipartimento chiede una multa di $ 328.121 per un aereo senza licenza per Abramovich o una multa di circa $ 1 milione per tre aeromobili.

“Gli oligarchi russi come Abramovich non potranno violare le normative sulle esportazioni statunitensi senza alcuna conseguenza”, ha affermato in una nota il funzionario commerciale John Saunderman.

Il commercio si è spostato a marzo per far atterrare efficacemente la Corrente del Golfo di Abramovich, con 99 aerei che hanno affermato di aver recentemente volato in Russia in violazione delle restrizioni all’esportazione. leggi di più

I pubblici ministeri hanno affermato che Abramovich possiede due aerei attraverso una serie di società di comodo registrate a Cipro, Jersey e nelle Isole Vergini britanniche. A febbraio ha ristrutturato la struttura del proprietario per trasformare i suoi figli in beneficiari di un fondo che alla fine è stato proprietario di entrambi gli aerei.

Ma quando è volato a Mosca il mese prossimo, ha effettivamente continuato a possedere e controllare gli aerei, ha detto il Dipartimento del Commercio.

Abramovich, che ha aiutato a mediare i colloqui tra Mosca e Kiev nei primi giorni della guerra, non è stato autorizzato personalmente dagli Stati Uniti. Ha l’approvazione dell’Unione Europea e del Regno Unito. leggi di più

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

READ  Notizie recenti sulla guerra in Russia e Ucraina

Relazione di Luke Cohen e Karen Freefeld a New York; Rapporto aggiuntivo di Katrina Demoni; Montaggio di Lisa Schumacher, Tomas Janowski e Cynthia Asterman

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.