File Revlon di fallimento – The New York Times

Nello smalto rosso Revlon, il rossetto ha creato l’impero cosmetico da abbinare. Ma dopo la Grande Recessione, il marchio leader di cosmetici, il marchio leader ha perso il suo lustro a causa dell’ascesa dei marchi cosmetici di nuova generazione, delle abitudini di acquisto e delle molestie della catena di approvvigionamento. La società ha presentato istanza di protezione dal fallimento questa settimana e i suoi rendiconti finanziari sono intrisi di inchiostro rosso.

Con $ 3,8 miliardi di debiti, Revlon ha presentato istanza di capitolo 11 presso il tribunale fallimentare degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York. Ha detto che aveva $ 575 milioni di “debito di debito” per finanziare le sue operazioni in bancarotta. L’azienda conta circa 5.700 dipendenti.

Le sfide di Revlon sono in crescita da tempo. Quando le vendite sono diminuite nel 2020, sono scese a 1.000 livelli Nella speranza di migliorare i profitti. Nello stesso anno, evita la dichiarazione di fallimento Contrattando con i suoi creditori. Più di recente, le sue attività sono state sfidate Attraverso gli scioperi legati al coronavirus in Cina E le sfide della catena di approvvigionamento hanno fatto eco in tutto il paese.

L’azienda è stata fondata nel 1932 da Charles Revson ed è cresciuta fino a diventare la seconda azienda di cosmetici più grande degli Stati Uniti dopo SD Lauder. Sig. Revson Popolare Ha fatto una campagna e ha amato le negozianti donne Il glamour di abbinare labbra e unghie rosse.

Nel 1985, il miliardario Ron Peralman ha acquistato Revlon per $ 2,7 miliardi attraverso un’acquisizione ostile. Una delle principali guerre aziendali dell’epoca.

READ  I futures Dow sono scesi di quasi 200 punti poiché la sconfitta di Wall Street di venerdì sembrava destinata a continuare.

Ha acquisito Elizabeth Orton nel 2016. Nel frattempo, un nuovo gruppo di imprenditori cosmetici, come Rihanna E Kylie Jenner, Sono uscito. Le superstar dei social media hanno pubblicizzato i loro prodotti direttamente ai loro milioni di follower su Instagram, abbracciando la tavolozza dei colori che incarnano ed evitando le farmacie su cui Revlon ha tradizionalmente fatto affidamento per vendere i suoi prodotti.

“La domanda dei consumatori per i nostri prodotti è forte: le persone amano i nostri marchi e noi continuiamo ad avere una posizione di mercato sana”, ha affermato in una nota Debra Pearlman, CEO di Revlon, figlia di Pearlman. Il bilancio esteso della società “ha limitato la nostra capacità di guidare le questioni macroeconomiche per soddisfare questa esigenza”, ha affermato.

La gestione dell’onere del debito ha creato problemi anche al di fuori dell’azienda. Banca d’Investimento Citigroup Per coincidenza sono stati realizzati 900 milioni di dollari di filo Nel 2020, un giudice federale ha stabilito che il gruppo di prestatori di Revlon non aveva bisogno di rimborsare i propri soldi alla banca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.