Due americani catturati dalle forze appoggiate dalla Russia sono stati rilasciati e riportati sul suolo statunitense



CNN

Due americani È tornato sul suolo statunitense venerdì pomeriggio dopo essere stato detenuto dalle forze appoggiate dalla Russia per più di tre mesi.

Gli americani Alexander John-Robert Druk e Andy Dai Ngoc Huynh sono arrivati ​​a New York dopo essere stati rilasciati all’inizio di questa settimana. Scambio di prigionieri Intermediari dell’Arabia Saudita tra Russia e Ucraina. Le famiglie degli uomini hanno detto di ritenere che stessero bene.

“Sappiamo che stanno parlando, respirano, si muovono, suonano come se stessi”, ha detto alla Galileus Web venerdì la madre della fidanzata di Huynh, Darla Black.

C’erano due uomini Catturato a giugno Mentre combatteva per l’Ucraina nella battaglia vicino a Kharkiv. I loro prigionieri filo-russi sono conosciuti come la Repubblica popolare di Donetsk (DPR), una repubblica autodichiarata sostenuta dalla Russia che governa una regione separatista della regione ucraina di Donetsk dal 2014.

Le famiglie Trukin e Huynh, secondo quanto riferito in precedenza dalla CNN, non hanno parlato con gli uomini dell’Alabama Mesi di reclusione Fino a quando mercoledì non hanno ricevuto telefonate inaspettate dall’ambasciata americana in Arabia Saudita.

Bunny Truk ricorda una donna dell’ambasciata americana in Arabia Saudita che glielo disse.

La famiglia non sapeva che era in corso uno scambio di prigionieri.

“La mia mente non poteva comprenderlo perché non c’era nessun avvertimento. È venuto fuori dal nulla”, ha detto la madre di Druck ad Anderson Cooper della CNN.

La fidanzata di Huynh, Joy Black, ha detto a Erin Burnett della CNN che al suo ritorno in Alabama, Huynh ha richiesto gli spaghetti con la carne, un piatto che desiderava da quando era in Ucraina.

Anche dopo la loro cattura, gli uomini hanno detto di non avere rimpianti di dover combattere gli ucraini, dicono le loro famiglie.

“Alex mi ha detto fermamente, ‘No, niente rimpianti'”, ha detto alla CNN sua zia, Diana Shaw. “Vogliono che la gente capisca che l’Ucraina ha bisogno del nostro sostegno. Hanno bisogno del sostegno di tutte le democrazie. Hanno bisogno che le democrazie si uniscano e respingano Putin (il presidente russo Vladimir).

Furono lanciati quattro territori occupati dalla Russia Voto Venerdì Nei sondaggi Secondo i loro leader separatisti, l’allineamento con la Russia alzerebbe la posta in gioco dell’invasione di Mosca. Illegali secondo il diritto internazionale e liquidati come una farsa dai governi occidentali e da Kiev, i referendum aprirebbero la strada all’annessione di parti della Russia, consentendo a Mosca di costruire l’Ucraina in corso. Contrattacco Come attacco alla Russia.

Lo ha detto venerdì il presidente degli Stati Uniti Joe Biden non può mai essere identificato Referendum della Russia nei territori occupati dell’Ucraina.

“Gli Stati Uniti non riconosceranno mai nient’altro che parte dell’Ucraina come territorio ucraino. Il voto della Russia è una farsa, un falso pretesto per tentare di annettere con la forza parti dell’Ucraina in flagrante violazione del diritto internazionale, inclusa la Carta delle Nazioni Unite”, ha affermato Biden in una dichiarazione.

READ  I futures sulle azioni sono rimasti piatti mentre gli investitori si sono preparati per il rapporto sull'inflazione di luglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.