Come guardare la missione Artemis I andare sulla luna

Sintonizzati sulla CNN sabato pomeriggio per la copertura in diretta dal Kennedy Space Center in Florida. La corrispondente spaziale Christine Fisher, insieme a un gruppo di esperti, ci fornirà una copertura momento per momento dal lancio.

Il razzo Space Launch System e la navicella spaziale Orion dovrebbero decollare sabato alle 14:17 e alle 16:17 dal Kennedy Space Center della NASA in Florida.

Sebbene non ci sia equipaggio a bordo, la missione è il primo passo del programma Artemis, che mira a riportare gli umani sulla Luna e alla fine ad atterrare su Marte.

C’è una probabilità del 60% di condizioni meteorologiche favorevoli per il lancio, che aumenteranno all’80% entro la fine della finestra, ha detto la meteorologa Melody Lovin durante una conferenza stampa di venerdì mattina.

Se il razzo non può essere lanciato sabato, il prossimo lancio sarà lunedì.

Una volta lanciata, la navicella spaziale Orion entrerà nell’orbita retrograda più lontana della Luna e viaggerà per 40.000 miglia al di là di essa, più lontano di qualsiasi veicolo spaziale che trasporta esseri umani. Gli equipaggi saliranno a bordo di Artemis II su una traiettoria simile nel 2024 e gli astronauti arriveranno al polo sud lunare con la missione Artemis III alla fine del 2025. Il progetto Artemis mira a far sbarcare la prima donna e la prima persona di colore sulla Luna.

L’agenzia condividerà filmati dal vivo e copertura in inglese spagnolo Prima, durante e dopo Artemis lo inizio Sito web e alla televisione della NASA. La trasmissione inizierà alle 5:45 ET quando il propellente Supergold viene caricato sul razzo SLS.
Dopo il lancio, la NASA terrà un briefing e successivamente sabato Orion condividerà le prime vedute della Terra dalle telecamere a bordo. Il Progetto telescopio virtuale Orion tenterà di condividere le viste dal vivo della luna in viaggio poco dopo il lancio.

Il viaggio di Orione dura 38 giorni attorno alla luna, orbita attorno ad essa e tornando sulla Terra, percorrendo 1,3 milioni di miglia (2,1 milioni di chilometri). La capsula si riverserà nell’Oceano Pacifico a San Diego l’11 ottobre.

Le telecamere all’interno e all’esterno di Orion condivideranno immagini e video durante la missione. Comprese riprese dal vivo dell’esperimento CallistoCattura la tendenza di essere un manichino Le combo del comandante Mooney Al posto del comandante. Se hai un dispositivo abilitato per Amazon Alexa, puoi chiedere la posizione della Missione ogni giorno.

Ecco tutto ciò che puoi aspettarti prima, durante e dopo il rilascio.

READ  Il QB dei Los Angeles Rams Matthew Stafford fuori per la procedura del gomito fuori stagione, dicono le fonti

Pensando a iniziare

All’inizio di sabato, il team di lancio condurrà un briefing sulle condizioni meteorologiche e deciderà se lanciare Carburante per missili.

Se tutto va bene, la squadra inizierà ad alimentare lo stadio principale del razzo e poi lo stadio superiore. Dopodiché, il team farà il pieno e riempirà con l’idrogeno liquido e l’ossigeno liquido che viene disperso durante il processo di rifornimento.

Circa 50 minuti prima del lancio, il direttore del test finale della NASA terrà un briefing. Il direttore del rilascio interroga il consiglio per assicurarsi che ogni stazione sia un “via”. 15 minuti prima della partenza.

Artemis I consegnerà il primo esperimento biologico nello spazio profondo

Dopo 10 minuti e contando, le cose prendono il sopravvento mentre la navicella spaziale e il razzo attraversano le fasi finali. La maggior parte dell’azione si svolge nell’ultimo minuto quando il sequencer di lancio a terra invia il comando per prendere il controllo del sequencer di lancio automatico del computer di volo del razzo.

Negli ultimi secondi, l’idrogeno si esaurirà e i quattro motori RS-25 si avvieranno, provocando l’accensione del booster e un aumento a T meno zero.

Viaggio sulla luna

I propulsori a razzo solido vengono espulsi dal veicolo spaziale in circa due minuti e schizzano nell’Oceano Atlantico, con altri componenti espulsi poco dopo. Il nucleo del razzo si separerà dopo circa otto minuti e cadrà verso il Pacifico. Il pannello solare Orion consente il dispiegamento delle ali.

La manovra di sollevamento del perigeo avviene 12 minuti dopo l’inizio Fase di propulsione criogenica intermedia Poiché non rientra nell’atmosfera terrestre, Orion subisce un’ustione per guadagnare quota.

Poco dopo, un’ustione da iniezione translunare, ICPS, aumenta la velocità di Orione da 17.500 miglia orarie (28.163 chilometri orari) a 22.600 miglia orarie (36.371 chilometri orari) e sfugge alla gravità terrestre. la luna

READ  Gli Utah Jazz scambiano Rudy Gobert con i Timberwolves

Dopo questa bruciatura, l’ICPS si separerà da Orion.

Intorno alle 21:45 ET, Orion avvierà la sua prima correzione della traiettoria in uscita utilizzando il modulo di servizio europeo, che fornisce potenza, propulsione e controllo termico al veicolo spaziale. Questa manovra metterà Orione sulla strada per la Luna.

Nei prossimi giorni dopo il lancio, Orion arriverà entro 60 miglia (96 chilometri) dalla luna durante il suo avvicinamento più vicino il sesto giorno del viaggio. Il modulo di servizio Orion posizionerà in una lontana orbita retrograda attorno alla Luna il giorno 10.

Incontra il comandante Moonkin Campos, il manichino che va più lontano di qualsiasi astronauta

Orion batterà anche il record di distanza di 248.654 miglia (400.169 chilometri) stabilito dall’Apollo 13 nel 1970, nel suo decimo giorno in orbita attorno alla luna. La navicella spaziale raggiungerà la sua distanza massima di 280.000 miglia (450.616 chilometri) dalla Terra il 23 settembre quando passerà 40.000 miglia (64.373 chilometri) oltre la luna.

Questo è 30.000 miglia (48.280 chilometri) in più rispetto al record dell’Apollo 13.

Orion effettuerà il suo secondo approccio più vicino alla superficie lunare, entro 500 miglia (804 chilometri) il 5 ottobre. Il modulo di servizio subirà un’ustione per aiutare a riportare la gravità della Luna sulla Terra.

Fotografi e giornalisti lavorano lunedì vicino al razzo Artemis I della NASA al Kennedy Space Center.  Una serie di problemi in seguito ha impedito all'aereo di decollare.

Poco prima di rientrare nell’atmosfera terrestre, il modulo di servizio si separerà da Orion. Il veicolo spaziale viaggerà nella parte superiore dell’atmosfera terrestre a 25.000 miglia orarie (40.233 chilometri orari) e il suo scudo termico sperimenterà temperature di quasi 5.000 gradi Fahrenheit (2.760 gradi Celsius).

L’atmosfera ridurrà la velocità di Orione a 300 miglia orarie (482 chilometri orari) e una serie di paracadute la rallenterà a 20 miglia orarie (32 chilometri orari) prima di precipitare nel Pacifico alle 2 in punto. : 22:00 ET l’11 ottobre.

READ  Prime fotografie dal telescopio spaziale James Webb

Splashdown sarà trasmesso in diretta Le riprese delle 17 telecamere della nave di soccorso e degli elicotteri in attesa del ritorno di Orion, dal sito web della NASA.

Una squadra di atterraggio e recupero raccoglierà la capsula Orion e determinerà i dati del veicolo spaziale Lezioni imparate Prima che gli umani tornassero sulla luna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.