Aggiornamenti in tempo reale sulla prova di tiro nel parco: ultime notizie

Dopo che Nikolas Cruz si è dichiarato colpevole lo scorso anno per 17 capi di imputazione per omicidio di primo grado e altre accuse, i pubblici ministeri non devono più provare al processo di aver compiuto la sparatoria di massa mortale alla Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland, in Florida. Sistemato.

La sua punizione non era di risolvere la petizione. In Florida, l’omicidio di primo grado è un reato capitale, punibile con la morte o l’ergastolo senza condizionale. E Legge statale richiesta La giuria decide cosa dovrebbe essere.

Se l’imputato fosse stato condannato al processo, la stessa giuria che ha emesso il verdetto sarebbe stata trattenuta per un procedimento di condanna separato. Ma il sig. Se un imputato si dichiara colpevole prima del processo, come ha fatto Cruz, il tribunale deve formare una giuria per la condanna.

Cosa sta facendo il governo?

Il compito dell’accusa ora è convincere la giuria che in questo caso ci sono delle aggravanti che giustificano la pena di morte. Tra le potenziali aggravanti elencate nella legge ci sono:

  • Gli omicidi furono “particolarmente atroci, atroci o atroci”;

  • L’imputato “ha consapevolmente creato un rischio di morte per diverse persone”;

  • L’imputato è stato ucciso “in modo freddo, calcolato e premeditato senza alcuna pretesa di giustificazione morale o legale”.

I pubblici ministeri dovrebbero presentare resoconti dettagliati dei 17 omicidi e 17 tentati omicidi al liceo, comprese centinaia di foto e video raccapriccianti. La giuria può anche visitare l’edificio scolastico C’è stata una sparatoria.

“Questi giurati cercheranno di recuperare ciò che è successo alle vittime”, ​​David S. Weinstein, un ex pubblico ministero, ora è un avvocato difensore. “Sarà un ottovolante emotivo”.

READ  Sarah Pauline è avanzata alle elezioni speciali dell'Alaska per il seggio all'Open House

Cosa fa la sicurezza?

La difesa cercherà di convincere la giuria che ci sono circostanze attenuanti che richiedono clemenza. Secondo la legge, in quelle circostanze l’imputato era “sotto l’influenza di un disturbo mentale o emotivo estremo” o aveva una ridotta capacità di capire se le sue azioni fossero criminali, tra gli altri fattori.

Il signor aveva 19 anni al momento della sparatoria. Gli avvocati difensori vogliono dimostrare che Cruz ha avuto un’educazione difficile e ha lottato con le avversità. Problemi psichiatrici e ha cercato di farsi curare. Hanno chiesto il permesso di mostrare ai giurati una mappa del suo cervello, ma il giudice deve ancora decidere se consentirlo.

Arbitrato

Dopo aver ascoltato le prove, la giuria deve prima determinare se lo Stato ha dimostrato ogni fattore aggravante oltre ogni ragionevole dubbio. Affinché l’imputato possa beneficiare della pena di morte, la giuria deve trovare all’unanimità almeno una delle aggravanti da provare.

Successivamente, la giuria valuterà se le circostanze aggravanti comprovate siano sufficienti per giustificare la pena di morte e prevalgano su eventuali fattori attenuanti esistenti e, in tal caso, se raccomandare la pena di morte al tribunale. Per fare ciò, la giuria deve essere nuovamente unanime; In caso contrario, la raccomandazione della pena dovrebbe essere l’ergastolo senza possibilità di libertà condizionale.

Un tribunale non può imporre la pena di morte se la giuria ha raccomandato l’ergastolo, ma può annullare la raccomandazione di morte di una giuria e imporre invece l’ergastolo.

Uno strano caso

La necessità di una giuria di condanna speciale è uno dei tanti modi in cui il caso Parkland è altamente insolito. Sig. È raro che qualcuno come Cruz (ora 23enne) debba affrontare la pena di morte, ed è raro che qualcuno che ha commesso una sparatoria così brutale sia ancora vivo per affrontare la giustizia.

READ  Rafael Nadal ha sconfitto Novak Djokovic di 4 set nei quarti di finale del torneo di tennis Open di Francia.

“In un certo senso, siamo in acque completamente inesplorate”, ha affermato Robert M. Jarvis, professore di legge alla Nova Southeastern University di Davie, in Florida, segue le tracce delle uccisioni di massa. “Non si ottengono processi come questo perché l’uomo armato è sempre morto.”

Patrizia Massey Rapporto contribuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.